Il patrimonio librario consiste in circa 370 mila unità bibliografiche così suddivise:
    - 6.000 manoscritti;
    - 1.038 incunaboli;
    - 21 mila volumi dell'XVIII secolo;
    - 6 mila volumi del XVI secolo;  
    - 14 mila volumi del XVII secolo;
    - 150 mila volumi del XIX secolo;
    - circa 133 mila volumi di materiale moderno.

Tra i codici più importanti (tutti membranacei), il Missale Vetus del XII secolo, un Martirologio del XII secolo e il cosiddetto Codice Speciale, che raccoglie i privilegi concessi alla città di Palermo da Federico II (1200) a Giovanni d’Aragona (1471); tra le edizioni a stampa, si segnala, per la sua bellezza e per l’essere impresso su pergamena, Le cose volgari di messer Francesco Petrarca (I Trionfi), stampato da Aldo Manuzio a Venezia nel 1501.

Ed inoltre:
    - 60 mila lettere di siciliani illustri;
    - Nummarium, una collezione di oltre 1.000 monete arabe;
    - Famedio dei Siciliani illustri, una collezione di 371 ritratti;
    - Circa 20.000 cartoline postali illustrate della collezione Di Benedetto.

FONDO DI BENEDETTO Vol VI00370

Link:

 Mappa: la Città vista dalle cartoline della Collezione Di Benedetto