Maccagnone, Franco P.pe di Granatelli
Immagine opera

Maccagnone, Franco P.pe di Granatelli

Nato il 21-07-1807 a Palermo
Morto il 18-09-1857 a Genova

Biografia

PATRIOTA, LETTERATO

Primogenito di Goffredo, Principe di Granatelli, e di Emanuela Di Blasi protagonisti della cultura politica e giuridica siciliana malgrado la disgraziata fine del nipote Francesco Paolo Di Blasi, condannato a morte per avere organizzato nel 1795 un complotto repubblicano.  Socio dell’Accademia di Scienze, Lettere e Arti, fu tra i fondatori delle Effemeridi scientifiche e letterarie per la Sicilia per far conoscere, attraverso l’iniziativa giornalistica le condizioni civili e intellettuali dell’Isola. Quattro anni dopo era lo stesso Maccagnone a tracciare un bilancio che, pur sottolineando il peso acquisito dal periodico non nascondeva le difficoltà in cui esso si dibatteva, le stesse che, tra i litigi dei redattori (rottura tra Vincenzo Mortillaro, Agostino Gallo e lo stesso Maccagnone) e le divisioni tra protezionisti e liberisti, nel 1840 avrebbero portato alla chiusura. Nel 1834 fu eletto Senatore di Palermo e si distinse durante l’epidemia di colera del 1837, creando un ospedale presso San Francesco di Paola e facendo disporre un ospedale provvisorio sulle falde del Monte Pellegrino. Ebbe contatti con esponenti del liberalismo nazionale quali Giuseppe Mazzini e Massimo D’Azeglio cospiratori contro il Governo. Nella rivoluzione del 1848 ebbe una parte di rilievo e svolse una delicata missione diplomatica a Parigi per illustrare i diritti della Sicilia, non mancando di fermarsi in Piemonte, bene accolto dal Gioberti e da Cesare Balbo con i quali discusse l’elezione al trono di Sicilia di un principe di casa Savoia. Fallita la rivoluzione nel 1848, fu esule a Londra e da qui si recò a Genova, mantenendo sempre i contatti con gli altri esiliati. Morì a Genova nella casa di Vincenzo Fardella, marchese di Torrearsa, suo compagno di esilio.

 

Opere

  • - Per le vie regie intraprese in Sicilia, ottave, Palermo 1825; 
  • - Necrologia del dottor Stefano Coppoler di Palermo, in Giornale di scienze, t. XXXI , 1830; 
  • - Gorgiae visio, carmen, Panormi, 1832; 
  • - Case di educazione, in Effemeridi, t. I, 1832;
  • - L'arte di preparare le terre e d'ingrassarleibid., t. II, 1832;
  • - Sonetto… in lode del celebre Vincenzo Belliniibid., 6;
  • - Intorno ad un frammento di Pamphyton Siculum del Cupani donato alla Biblioteca del Comune di Palermo dal principe di G.ibid., t. VI, 1833; 
  • - Componimenti in morte di Francesco Peranni generale d'artiglieriaibid., t. VIII, 1833;
  • - Sonetto detto nell'Accademia di scienze e lettere di Palermoibid., t. XIII, 1835;
  • - Lettera dedicatoria e Ode, in Segno d'amicizia nelle nozze di Ferdinando Malvica con Angela Pagano, Palermo, 1836;
  • - Necrologia del cav. Antonio Di Giovanni Mira deceduto il 3 ag. 1837, in Siciliano, 1837, n. 9; 
  • - Elogio storico del barone Antonio Bernardi Bivona, in Biografie e ritratti d'illustri siciliani morti nel cholera l'anno 1837, Palermo 1838; 
  • - Su la macerazione del lino per via del vapore, in Effemeridi, t. XVII, 1837; 
  • - In morte di Bellini, canto, Palermo 1838; 
  • - Delle vicende dell'AccademiaDiscorso del presidente, in Atti dell'Accademia di scienze e lettere di Palermo, n.s., I, 1845;
  • - Biografia del principe di Villafranca Giuseppe Alliata, Palermo 1844; 
  • - Mémoire sur la découverte de l'Amérique au dixième siècle…, in La Falce, I, 1845;
  • - Onori ad illustri estintiibid., III, 1847;
  • - Opere edite ed inedite di Franco Maccagnone principe di Granatelli, pubblicate a spese di suo nipote Goffredo Maccagnone, parte I (e unica), Palermo 1871.

  

Bibliografia

 

  • - AA.VV. Personaggi di provincia. Le figure illustri degli 82 comuni della provincia di Palermo. Provincia regionale di Palermo. Palermo, 2000

  

Scheda biografica curata dalle dott.sse Felice Patrizia D’Amico e Silvana Arnone