Redazione del testo a cura della biblioteca Pedro Arrupe



Il volume raccoglie le relazioni tenute su sant'Anselmo nella sua città natale, Aosta, nei giorni 1 e 2 marzo 1988, in occasione dell'edizione bilingue (latino-italiano) dell'Epistolario anselmiano, promossa dal Consiglio Regionale della Valle d'Aosta, per cura di Inos Biffi e Costante Marabelli, con la collaborazione di studiosi italiani ed esteri.

Una prima serie di interventi segue il tracciato stesso della vita di Anselmo, che parte da Aosta, si sofferma lungamente nell'abbazia normanna del Bec, e conclude a Canterbury, con la nomina di Anselmo ad arcivescovo: una conclusione, d'altra parte, che conoscerà esili e percorsi travagliati.

Con la prospettiva storica e messa in luce quella spirituale e dottrinale, filosofica e teologica: vi attende un'altra serie di saggi sul metodo e sul pensiero anselmiano; né manca l'analisi della storia dell’Epistolario stesso.

L'insieme offre una recensione aggiornata e competente su questa figura di monaco e vescovo medievale, che non cessa di interessare, avvincere e far discutere per la sua singolarità e originalità di pensatore e di uomo di Chiesa.